ASIA/NEPAL - Prosegue l’opera di solidarietà della Chiesa per le vittime del sisma
22/05/2015

Kathmandu – “L’opera di solidarietà della Chiesa cattolica prosegue, specie nei distretti più remoti. Nei giorni scorsi abbiamo avuto una riunione di coordinamento con tutti i sacerdoti, suore, religiosi impegnati nel soccorso delle vittime, con i rappresentanti della Caritas e con il Vescovo. Abbiamo messo a punto un piano d’azione comune per aiutare le persone colpite dal sisma con misure a breve termine e a lungo termine. Si inizia a pensare alla ricostruzione. Il Vicariato ha pianificato gli interventi per aiutare il maggior numero di famiglie possibile e il nostro obiettivo è di venire incontro alle esigenze di circa 2.000 famiglie”. E’ quanto racconta all’Agenzia Fides p. Silas Bogati, pro-Vicario Apostolico del Nepal.
“Sono appena tornato dal distretto di Gorkha per monitorare la situazione” riferisce a Fides p. Bogati. “Lì ci sono i padri Salesiani che si sono dati molto da fare per l’assistenza ai senza tetto. Abbiamo fornito materiali di soccorso a 2.235 famiglie nei villaggi di Mucchok e Sourpani. Il personale cattolico, preti, religiosi e laici, si sta adoperando alacremente: molti stanno giungendo anche dall’India per aiutarci in questo slancio di carità e solidarietà”.
Il sacerdote conclude: “la Caritas, grazie agli aiuti internazionali, sta fornendo aiuti di vario genere in molti villaggi. La gente ci ringrazia ed esprime profonda gratitudine. La testimonianza cristiana in Nepal, oggi, passa attraverso le opere di misericordia e compassione verso persone che hanno perso i propri cari, che hanno perso la casa e tutte le loro proprietà. Devono ricominciare da zero. Il nostro sostegno non mancherà”.
Il bilancio delle vittime del terremoto del 25 aprile scorso ha raggiunto in Nepal quota 8.631 vittime, con 21.838 feriti. Lo ha reso noto oggi il Ministero dell’Interno a Kathmandu. La polizia nepalese ha reso noto che continuano le ricerche di 346 dispersi, di cui 106 stranieri. Per quanto riguarda i danni alle strutture abitative, il sisma principale e le centinaia di repliche hanno danneggiato 462.646 case, la metà nella regione centrale del paese.
AFRICA/EGITTO - La polizia libera i quattro copti rapiti
22/05/2015

Minya - Un'operazione delle forze di polizia ha portato alla liberazione dei quattro giovani copti che erano stati rapiti la notte tra domenica 17 e lunedì 18 maggio mentre tornavano, a bordo di un'auto, da una visita al santuario della Vergine Maria di Jabal al-Tair, presso la città di Salamut, nella provincia egiziana di Minya. Fonti copte consultate dall'Agenzia Fides confermano l'arresto di almeno due membri della banda di rapitori. I sequestrati erano tenuti in un casale isolato, in una zona montagnosa non lontana dal luogo del rapimento, che è stata raggiunta dalle ricerche a tappeto compiute dalla polizia. Al momento dell'irruzione dei poliziotti, avvenuta all'alba di mercoledì 20 maggio, alcuni sequestratori sono riusciti a fuggire. I quattro rapiti, una volta liberati dalla catene di ferro che li tenevano legati, hanno dichiarato di aver subito maltrattamenti fisici e di essere stati continuamente minacciati di morte, se i loro parenti non avessero pagato il riscatto richiesto di 600mila lire egiziane. Tre dei quattro rapiti sono sposati con figli. Le famiglie hanno ringraziato le forze di polizia che hanno permesso ai loro cari di tornare vivi a casa. .
ASIA/GIORDANIA - Progetto educativo a favore dei giovani rifugiati cristiani fuggiti dal nord-Iraq
22/05/2015

Amman - Corsi di inglese, informatica e educazione fisica per le ragazze e i ragazzi cristiani iracheni che con le loro famiglie hanno trovato rifugio in Giordania, dopo essere fuggiti da Mosul e dalla Piana di Ninive davanti all'avanzata dei jihadisti dello Stato Islamico . E' l'iniziativa messa in campo presso il Centro Nostra Signora della Pace di Amman, in collaborazione con Caritas Jordan, per rimediare, almeno parzialmente, all'allontanamento forzato dalle normali attività scolastiche che segna la condizione dei giovani rifugiati iracheni e rischia di avere ricadute negative anche sul loro equilibrio psicologico.
Il programma socio-educativo, sponsorizzato dalla Luogotenenza portoghese dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro, rappresenta una delle iniziative assistenziali sostenute dalla Chiesa locale a favore dei rifugiati iracheni. “I cristiani iracheni che hanno trovato rifugio in Giordania sono circa ottomila - riferisce all'Agenzia Fides l'Arcivescovo Maroun Lahham, Vicario patriarcale per la Giordania del Patriarcato latino di Gerusalemme - e molti sono giunti nel Regno Hascemita senza niente, spogliati di tutto. Queste famiglie cristiane devono affrontare ogni giorno bisogni essenziali: acqua, cibo, medicine, abbigliamento. Gran parte di loro pensavano di poter presto emigrare verso altri Paesi dell'Europa o dell'America, ma ciò non sarà possibile se non in tempi molto lunghi. Questa prospettiva, con l'andare del tempo, è destinata a mettere in difficoltà dal punto di vista finanziario Caritas Jordan. E comunque, alla lunga, lo stato di emergenza non può non pesare negativamente anche dal punto di vista morale e spirituale su tanti nostri fratelli che senza un lavoro rischiano di vivere anni di vuoto esistenziale”.
In questo scenario – assicurano le fonti ufficiali del Patriarcato latino - il progetto educativo iniziato per servire i giovani rifugiati iracheni in età scolare sta registrando risultati positivi anche dal punto di vista psicologico, aiutando molti ragazzi e ragazze a riconquistare fiducia nei confronti del futuro. .
AFRICA/BURUNDI - La Chiesa non può sostenere un processo elettorale che rischia di dividere i cittadini
22/05/2015

Bujumbura - Rimane alta la tensione a Bujumbura, capitale del Burundi, dove non si fermano le proteste contro la decisione del Presidente Pierre Nkurunziza di presentarsi alle elezioni per un terzo mandato. Il Presidente ha annunciato che le elezioni legislative e locali del 26 maggio sono state posticipate al 5 giugno, mentre è stata confermata la data del 26 giugno per quelle presidenziali, nonostante gli appelli lanciati da più parti per il loro posticipo.
Anche i Vescovi locali hanno chiesto di rinviare il voto attraverso un messaggio che porta la data del 12 maggio e solo ora è pervenuto all’Agenzia Fides. “Allo stato attuale delle cose, se questa situazione perdura, le elezioni che ci attendiamo, tranquille per tutti, fatte nella trasparenza, senza intimidazioni e inclusive, non sono possibile” affermano i Vescovi. “La sicurezza non è garantita e non ci sono radio che possono rilanciare le idee e i programmi di tutti. Alcuni membri della comunità internazionale hanno congelato gli aiuti destinati alle elezioni. Pensate che queste elezioni siano giuste e valide per tutti e che i risultati siano credibili e accettabili per tutti?”.
I Pastori della Chiesa cattolica chiedono alle autorità di restaurare la sicurezza e la libertà di stampa per tutti, in particolare permettendo la riapertura delle radio non allineate con il governo; chiedono infine ai dimostranti di evitare violenze.
Se queste condizioni non saranno rispettate i Vescovi “dichiarano apertamente che la nostra Chiesa non sarà in grado di accompagnare il processo elettorale attraverso l’invio di osservatori elettorali o con l’invio di sacerdoti nei diversi organi locali della Commissione Elettorale Nazionale Indipendente ”.
“La Chiesa non può sostenere o accompagnare un processo elettorale che, visibilmente, non è consensuale e i cui risultati rischiano di dividere i cittadini invece di riconciliarli” concludono i Vescovi.
Link utili
Richiesta sussidio straordinario
Richiesta sussidio ordinario
Attiva solo per l'Opera di San Pietro Apostolo
LA REGISTRAZIONE
ID utente*
Password*
Conferma Password*
Titolo
Nome*
Cognome*
Indirizzo
Codice Postale
Citta*
Paese*
Telefono
Skype
Email(1)*
Email(2)
Website(1)
Website(2)
MESSAGGIO

PASSWORD DIMENTICATA
UTENTE

Pontificie Opere Missionarie
SEGRETARIATI INTERNAZIONALI
PONTIFICIE OPERE MISSIONARIE
...il cuore dell'animazione
e della cooperazione missionaria...
PONTIFICIA OPERA DELLA PROPAGAZIONE DELLA FEDE
... aprire il cuore di ogni credente
alla vastità dell'orizzonte missionario
PONTIFICIA OPERA DI SAN PIETRO APOSTOLO
…collaborare alla crescita delle giovani chiese
nella formazione di nuovi sacerdoti, religiose e religiosi...
PONTIFICIA OPERA DELLA SANTA INFANZIA
... solidarietà condivisione universale
spirituale e materiale dei bambini nel nome di Gesù
PONTIFICIA UNIONE MISSIONARIA
...suscitare nella Chiesa la passione per la missione
e muovere le comunità cristiane a cooperare all’evangelizzazione...
POPF
PONTIFICIA OPERA
DELLA PROPAGAZIONE
DELLA FEDE
L’impegno della Propagazione della Fede è suscitare nel popolo di Dio uno spirito autenticamente universale per far crescere nelle Chiese locali una coscienza missionaria secondo il respiro naturale della Chiesa.
POSPA
PONTIFICIA OPERA
DI SAN PIETRO
APOSTOLO
L’Opera di San Pietro collabora
alla crescita delle giovani
chiese sostenendo
finanziariamente la costruzione
di nuovi seminari,e i programmi
di formazione dei nuovi sacerdoti,
religiosi e suore locali.
POSI
PONTIFICIA OPERA
DELL' INFANZIA
MISSIONARIA
L’Opera dell’Infanzia Missionaria o Santa Infanzia porta i bambini alla scoperta dello spirito missionario e insegna loro ad aiutare con la preghiera e con piccoli sacrifici materiali i loro coetanei nel mondo.
PUM
PONTIFICIA UNIONE MISSIONARIA
L’Unione Missionaria, anima delle altre Opere Missionarie, è un’associazione di clero, religiosi/e e laici, che si propone di suscitare nella Chiesa la passione per la missione, di contribuire alla formazione missionaria e a spingere le comunità cristiane a cooperare e prendere parte attiva all’attività di evangelizzazione.

Vuoi presentare un progetto?



Gli eventi del Mese...
03
193° anniversario della fondazione dell’Opera della Propagazione della Fede (1822)
03
Dichiarazione di Pontificia Opera di San Pietro Apostolo (1922)
19
Mons. de Forbin-Janson fonda l’Opera della Santa Infanzia (1843)
30
93° anniversario del Motu Proprio Romanorum Pontificum nel quale Pio XI dichiara l’Opera della Propagazione della Fede ‘Pontificia’ (1922)
30
Corso per i Direttori Nazionali di nuova nomina
22
S. Rita da Cascia, S. Giulia

News

Link utili


LE PONTIFICIE OPERE MISSIONARIE NEL MONDO
I nostri contatti


PONTIFICIE OPERE MISSIONARIE
Segretariati Internazionali
Via di Propaganda, 1C 00187 ROMA
Tel: (0039)06 698 80228 Fax: - E-mail: amministrazione@ppoomm.va


PONTIFICIA OPERA DELLA PROPAGAZIONE DELLA FEDE
Segretariato Internazionale
Via di Propaganda, 1C 00187 ROMA
Tel: (0039)06 698 80228 Fax: (0039)06 698 80108 E-mail: vati177@propfidei.va


PONTIFICIA OPERA DELL'INFANZIA MISSIONARIA
Segretariato Internazionale
Via di Propaganda, 1C 00187 ROMA
Tel: (0039)06 698 80260 Fax: (0039)06 698 80276 E-mail: vati176@poim.va


PONTIFICIA OPERA DI SAN PIETRO APOSTOLO
Segretariato Internazionale
Via di Propaganda, 1C 00187 ROMA
Tel: (0039)06 698 80228 Fax: (0039)06 698 80276 E-mail: bigard@pospa.va


PONTIFICIA UNIONE MISSIONARIA
Segretariato Internazionale
Via di Propaganda, 1C 00187 ROMA
Tel: (0039)06 698 80132 - 80252 Fax: (0039)06 698 80124 E-mail: pum@org.va


AMMINISTRAZIONE DELLE PONTIFICIE OPERE MISSIONARIE

Via di Propaganda, 1C 00187 ROMA
Tel: (0039)06 698 80228 Fax: (0039)06 698 80134 E-mail: amministrazione@ppoomm.va


CALL CENTER
HELP ON LINE

Tel: (0039)06 698 880228 - E-mail: info.portal@ppoomm.va


PONTIFICIE OPERE MISSIONARIE
Segretariati Internazionali
PRIVACY
CONDIZIONI DI UTILIZZO
DISCLAIMER
COPYRIGHT © 2015 PONTICICIE OPERE MISSIONARIE ALL RIGHTS RESERVED
ALGERIE GERMANIA GERMANIA ENGLAND ANGOLA ANGOLA GUYANA FRANCESE ARGENTINA AUSTRALIA AUSTRIA BANGLADESH BELGIQUE BENIN BOLIVIA BOSNIA & ERZEGOVINA BRASILE BURUNDI CAMEROUN CANADA CANADA CHILE COLOMBIA COSTA RICA CTE D'IVOIRE CROAZIA CUBA SCOTLAND SCOTLAND EGYPTE EL SALVADOR ECUADOR ERITREA SPAGNA U.S.A. ETHIOPIA FRANCE GABON GHANA GRECE GUATEMALA GUINEE GUINEA BISSAU GUINEA EQUATORIALE HAITI HONDURAS UNGHERIA NOUVELLE CALEDONIE INDIA INDONESIA IRAN IRELAND ITALIA JAPAN KENYA LESOTHO LIBERIA MADAGASCAR MALAYSIA MALAWI MALI MAROC MEXICO MOZAMBICO MYANMAR NAMIBIA NICARAGUA NIGERIA NEW ZEALAND ISOLE SALOMONE ISOLE FIJI ILE MAURICE UGANDA PAKISTAN PANAMA PAPUA NEW GUINEA PARAGUAY SCANDINAVIA PERU' PHILIPPINES POLONIA PUERTO RICO PORTOGALLO ROMANIA RWANDA SENEGAL SIERRA LEONE SLOVACCHIA SLOVENIA SUDAN SRI LANKA SVIZZERA TANZANIA THAILANDIA TIMOR TOGO TUNISIE TURCHIA URUGUAY VENEZUELA ZAMBIA ZIMBABWE