ASIA/PAKISTAN - Coniugi cristiani arsi vivi per blasfemia: si rischia l'impunità dei colpevoli
07/05/2016

Lahore - E' un processo complicato, quello in corso, che vede alla sbarra i colpevoli del linciaggio di due coniugi cristiani Shahzad Masih e Shama Bibi, arsi vivi per presunta blasfemia il 4 novembre 2014. Nell'udienza di ieri, 5 maggio, davanti al Tribunale anti terrorismo di Lahore, che giudica il caso, è iniziato il "contro-interrogatorio" dei testimoni, che proseguirà nella prossima udienza del 9 maggio.
"I testimoni sono minacciati e anche gli avvocati lo sono" dice a Fides uno dei legali presenti in aula, il cristiano Sardar Mushtaq Gill, che rappresenta la famiglia delle vittime.
"Ci sono molte preoccupazioni sulla possibile impunità per i colpevoli" conferma a Fides l'avvocato Aneeqa Maria Anthony, coordinatore dell'organizzazione "The Voice Society", che offre anch'essa tutela legale alle vittime.
"Il governo ha annunciato che lo Stato del Pakistan si presenta come parte civile, sostenendo l'accusa, ma intanto i testimoni si sono rifiutati di riconoscere il principale imputato del caso, che è stato così liberato su cauzione. Ci sono 106 persone detenute accusate di questo linciaggio e, se il processo va avanti in questa direzione, sembra che tutti saranno liberati" conclude.
ASIA/INDIA - Vescovo sequestrato: tre preti arrestati
07/05/2016

New Delhi - La polizia indiana ha arrestato 14 persone accusandole di aver organizzato e partecipato al rapimento di Mons. Prasad Gallela, Vescovo della diocesi di Cuddapah, nell’Andra Pradesh, sequestrato e rilasciato dopo una notte il 25 aprile scorso . Tra i 14, ha reso noto il Sovrintendente della polizia, ci sono tre sacerdoti della diocesi di Cuddapah. Le accuse sono sequestro di persona a scopo di estorsione e tentato omicidio del Vescovo.
“Mons. Gallela Prasad è stato rapito a Chillikanuma da un gruppo di persone che lo hanno legato e malmenato, chiedendo un riscatto e minacciando di ucciderlo” ha detto il Sovrintendente di polizia. Il principale imputato è il sacerdote p. Nalladimmu Raja Reddy, 48 anni, parroco di Palur, nella diocesi di Kadapa, che gestisce diverse prestigiose istituzioni e fondazioni cattoliche.
Il secondo sacerdote arrestato è p. Lingala Vijaya Mohan Reddy, 45, parroco a Vallur, che sarebbe uno dei complici. Il terzo sacerdote arrestato, p. Sanivarapu Marreddy, 39, è il parroco di Renigunta. I tre non avrebbero apprezzato l’operato del Vescovo in alcune nomine e trasferimenti del clero locale e avrebbero voluto fare pressioni su di lui, assoldando degli uomini per organizzare il rapimento. “La ragione principale dietro il rapimento è il rancore che i sacerdoti hanno covato verso il Vescovo per il suo mancato appoggio nell’usare i fondi della Chiesa" ha dichiarato la polizia, che ha recuperato anche parte della refurtiva.
P. Sudhakar, sacerdote della stessa diocesi, ha dichiarato: “E un avvenimento molto triste. Preghiamo per la nostra Chiesa. Questi preti sono stati tratti in inganno dal potere e dal denaro e hanno arrecato un grande danno alla Chiesa”.
ASIA/TURCHIA - Premio europeo per la chiesa armena di Diyarbakir, confiscata dal governo
07/05/2016

Diyarbakir - La chiesa armena apostolica di san Giragos a Diyarbakır è stata premiata per i suoi recenti restauri dall'Unione Europea, ma la cerimonia di premiazione e la posa della placca commemorativa del premio non potranno essere realizzate presso il luogo di culto, che da marzo è stato confiscato dalle autorità militari turche per motivi di sicurezza, insieme ad altre chiese del centro storico della città.
Forti turche, consultate dall'Agenzia Fides, riferiscono che il premio dell'Unione Europea per il patrimonio culturale era stato assegnato alla storicha chiesa armena di Diyarbakir per l'ottima riuscita dei lavori di restauro che l'avevano riportata al suo antico splendore. L'opera di ripristino, sostenuta dalle comunità armene apostoliche di tutta la Turchia, aveva anche rappresentato un momento significativo di riconciliazione tra le diverse componenti cittadine e di collaborazione con le autorità locali.
Quella di Diyarbakir è la più grande chiesa armena del Medio Oriente. La sua torre maestosa può essere vista da ogni angolo della città, rappresenta un rifacimento di quella originale, che fu distruttaa cannonate nel 1914.
A fine marzo, il governo turco ha sequestrato un'ampia area della metropoli che sorge lungo la riva del fiume Tigri, nel quadro delle operazioni militari messe in atto nella Turchia meridionale contro le postazioni curde del Partito dei Lavoratori del Kurdistan .
Nell'area urbana sequestrata sorgono tutte le chiese presenti a Diyarbakir: oltre alla chiesa armena apostolica di San Giragos , c'è anche la chiesa siriaca dedicata alla Vergine Maria, la chiesa caldea di Mar Sarkis , la chiesa armeno-cattolica e un luogo di culto protestante, oltre a più di 6mila abitazioni, dislocate in gran parte nel centro storico. Già al momento dell'esproprio, nessuna chiesa cristiana di Diyarbakir risultava aperta al culto. Nelle ultime settimane , mentre a Diyarbakir si prolunga il coprifuoco disposto dalle autorità turche, si moltiplicano anche i ricorsi presentati dai rappresentanti legali delle fondazioni legate alle comunità cristiane contro l'ordine di esproprio urgente imposto dal governo. .
ASIA/LIBANO - I Vescovi maroniti: il Libano sembra una nave senza timone
07/05/2016

Bkerkè - Il mondo arabo è minacciato nella sua stessa esistenza da "identità assassine", e le crisi e le guerre che sconvolgono l'intera regione hanno le loro radici profonde nelle “contrapposizioni regionali” e nelle “politiche internazionali". Così i Vescovi maroniti, riuniti nella sede patriarcale di Bkerkè per la loro assemblea mensile, hanno per l'ennesima volta richiamato nel loro incontro la dimensione globale e i fattori esterni che continuano ad alimentare le guerre e le tragedie umanitarie in tutto il Medio Oriente.
Nella riunione, svoltasi mercoledì 4 maggio sotto la presidenza del Patriarca Boutros Bechara Rai, i Vescovi maroniti hanno riaffermato che l'elezione del Presidente della Repubblica – carica vacante da quasi due anni, a causa dei veti incrociati delle forze politiche – è “indispensabile per preservare l'identità costituzionale libanese”, e hanno anche messo in guardia dal pericolo della frammentazione su base settaria che inevitabilmente stravolgerà l'attuale fisionomia delle nazioni arabe, se si continua a privilegiare la strategia del " ferro e fuoco” piuttosto che la scelta del dialogo.
Nel loro incontro – si legge nel comunicato finale, pervenuto all'Agenzia Fides - i Vescovi maroniti hanno anche commentato positivamente i recenti provvedimenti che prefigurano la chiusura delle “case di prostituzione”, e hanno chiesto che le indagini aperte negli ultimi tempi su casi di corruzione siano portate a termine, visto che anche gli scandali contribuiscono a far apparire il Libano come “una nave senza timone". .
Link utili
LA REGISTRAZIONE
Email Ufficiale*
Password*
Conferma Password*
Titolo
Nome*
Cognome*
Indirizzo
Codice Postale
Città*
Paese*
Telefono
Skype
Email(1)*
Email(2)
Website(1)
Website(2)
MESSAGGIO

PASSWORD DIMENTICATA
UTENTE

Pontificie Opere Missionarie
SEGRETARIATI INTERNAZIONALI
PONTIFICIE OPERE MISSIONARIE
...il cuore dell'animazione
e della cooperazione missionaria...
PONTIFICIA OPERA DELLA PROPAGAZIONE DELLA FEDE
... aprire il cuore di ogni credente
alla vastità dell'orizzonte missionario
PONTIFICIA OPERA DI SAN PIETRO APOSTOLO
…collaborare alla crescita delle giovani chiese
nella formazione di nuovi sacerdoti, religiose e religiosi...
PONTIFICIA OPERA DELLA SANTA INFANZIA
... solidarietà condivisione universale
spirituale e materiale dei bambini nel nome di Gesù
PONTIFICIA UNIONE MISSIONARIA
...suscitare nella Chiesa la passione per la missione
e muovere le comunità cristiane a cooperare all’evangelizzazione...
POPF
PONTIFICIA OPERA
DELLA PROPAGAZIONE
DELLA FEDE
L’impegno della Propagazione della Fede è suscitare nel popolo di Dio uno spirito autenticamente universale per far crescere nelle Chiese locali una coscienza missionaria secondo il respiro naturale della Chiesa.
POSPA
PONTIFICIA OPERA
DI SAN PIETRO
APOSTOLO
L’Opera di San Pietro collabora
alla crescita delle giovani
chiese sostenendo
finanziariamente la costruzione
di nuovi seminari,e i programmi
di formazione dei nuovi sacerdoti,
religiosi e suore locali.
POSI
PONTIFICIA OPERA
DELL' INFANZIA
MISSIONARIA
L’Opera dell’Infanzia Missionaria o Santa Infanzia porta i bambini alla scoperta dello spirito missionario e insegna loro ad aiutare con la preghiera e con piccoli sacrifici materiali i loro coetanei nel mondo.
PUM
PONTIFICIA UNIONE MISSIONARIA
L’Unione Missionaria, anima delle altre Opere Missionarie, è un’associazione di clero, religiosi/e e laici, che si propone di suscitare nella Chiesa la passione per la missione, di contribuire alla formazione missionaria e a spingere le comunità cristiane a cooperare e prendere parte attiva all’attività di evangelizzazione.

AMMINISTRAZIONE DEI SEGRETARIATI
-



Gli eventi del Mese...
01
INTENZIONI MISSIONARIE DI PREGHIERA 2016

Universale
Perché in tutti i Paesi del mondo le donne siano onorate e rispettate, e sia valorizzato il loro imprescindibile contributo sociale.

Per l’Evangelizzazione
Perché si diffonda, in famiglie, comunità e gruppi, la pratica di pregare il santo Rosario per l’evangelizzazione e per la pace.
03
194° anniversario della fondazione dell’Opera della Propagazione della Fede (1822)
03
94° anniversario del Motu Proprio Romanorum Pontificum nel quale Pio XI dichiara l’Opera della Propagazione della Fede «Pontificia» (1922)
03
Dichiarazione di Pontificia Opera di San Pietro Apostolo (1922)
19
Mons. de Forbin-Janson fonda l’Opera della Santa Infanzia (1843)
07
s. Flavia, s. Rosa Venerini

News

Link utili


I nostri video
LE PONTIFICIE OPERE MISSIONARIE NEL MONDO
I nostri contatti


PONTIFICIE OPERE MISSIONARIE
Segretariati Internazionali
Via di Propaganda, 1C 00187 ROMA
Tel: (0039)06 698 80228 Fax: - E-mail: amministrazione@ppoomm.va


PONTIFICIA OPERA DELLA PROPAGAZIONE DELLA FEDE
Segretariato Internazionale
Via di Propaganda, 1C 00187 ROMA
Tel: (0039)06 698 80228 Fax: (0039)06 698 80108 E-mail: vati177@propfidei.va


PONTIFICIA OPERA DELL'INFANZIA MISSIONARIA
Segretariato Internazionale
Via di Propaganda, 1C 00187 ROMA
Tel: (0039)06 698 80228 Fax: (0039)06 698 80276 E-mail: vati176@poim.va


PONTIFICIA OPERA DI SAN PIETRO APOSTOLO
Segretariato Internazionale
Via di Propaganda, 1C 00187 ROMA
Tel: (0039)06 698 80228 Fax: (0039)06 698 80276 E-mail: bigard@pospa.va


PONTIFICIA UNIONE MISSIONARIA
Segretariato Internazionale
Via di Propaganda, 1C 00187 ROMA
Tel: (0039)06 698 80228 Fax: (0039)06 698 80124 E-mail: pum@org.va


AMMINISTRAZIONE DELLE PONTIFICIE OPERE MISSIONARIE

Via di Propaganda, 1C 00187 ROMA
Tel: (0039)06 698 80228 Fax: (0039)06 698 80134 E-mail: amministrazione@ppoomm.va


CALL CENTER
HELP ON LINE

Tel: (0039)06 698 80228 E-mail: info.portal@ppoomm.va


PONTIFICIE OPERE MISSIONARIE
Segretariati Internazionali
PRIVACY
CONDIZIONI DI UTILIZZO
DISCLAIMER
COPYRIGHT ©2016PONTIFICIE OPERE MISSIONARIE ALL RIGHTS RESERVED
ALGERIE BENIN BURUNDI CAMEROUN CÔTE D'IVOIRE ETHIOPIA GABON GHANA GUINEE GUINEA BISSAU GUINEA EQUATORIAL KENYA LESOTHO LIBERIA MADAGASCAR MALAWI MALI MAROC MOZAMBIQUE NAMIBIA NIGERIA UGANDA ZIMBABWE RWANDA SCOTLAND SUDAN TANZANIA TOGO TUNISIE ZAMBIA EGYPTE ERITREA BOLIVIA CHILE COLOMBIA COSTA RICA ECUADOR GUATEMALA HONDURAS MEXICO NICARAGUA PANAMA PARAGUAY PERU' VENEZUELA BRASILE HAITI URUGUAY ARGENTINA EL SALVADOR PUERTO RICO CUBA ANTILLES GUYANA FRANCESE BANGLADESH MYANMAR INDIA INDONESIA JAPAN MALAYSIA PAKISTAN PHILIPPINES SIERRA LEONE SRI LANKA TAIWAN THAILANDIA TIMOR VIETNAM TERRA SANTA IRAN TURCHIA KAZAKISTAN AUSTRIA BELGIQUE ENGLAND FRANCE GRECE ITALIA SVIZZERA PORTOGALLO SPAGNA IRELAND MALTA POLONIA ROMANIA BOSNIA & ERZEGOVINA CROAZIA SLOVENIA SLOVACCHIA UNGHERIA LUXEMBOURG PRINCIPATO DI MONACO PAPUA NEW GUINEA NEW ZEALAND AUSTRALIA SOUTH AFRICA REP. DU CONGO REPUBLIQUE CENTRAFRICAINE REP. DEM. DU CONGO REP. DOMINICANA LIBANO OLANDA SCOTLAND ILE MAURICE TCHAD REPUBBLICA CECA CANADA CANADA GERMANIA GERMANIA ANGOLA NIGER SENEGAL U.S.A. SCANDINAVIA NOUVELLE CALEDONIE KOREA CABO VERDE