STORIA

Il Beato Paolo Manna, «il cui nome merita di essere riportato a caratteri d’oro negli annali della Chiesa» (Paolo VI, Graves et Increscentes, Lettera Apostolica, 1966), è il fondatore della Unione Missionaria del Clero. Egli era convinto che finché i preti e i vescovi non fossero stati convertiti all'idea missionaria, le missioni restavano un fatto affidato solo a quel manipolo di missionari, assolutamente insufficienti per la missione universale della Chiesa. Egli pensò ad un’associazione del clero il cui unico scopo fosse animare e infondere l’ansia missionaria nei pastori, nei formatori delle comunità; essi, i preti, dovevano essere quasi una schiera di soldati nelle trincee, che aiutano e sostengono quelli che sono in prima linea. Solo a questa condizione tutte le comunità possono diventare missionarie. Questa Unione è pensata come «scuola di educatori al servizio apostolico, vissuta in chiave universalistica».

Nel 1916 l’Unione fu approvata dal Papa Benedetto XV. In pochi anni l’Opera è estesa quasi in tutto il mondo. Il Primo Congresso Internazionale dell’Unione (3 gennaio 1922), dichiara la necessità dell’insegnamento nei seminari della Missiologia, una scienza ancora sconosciuta negli istituti di formazione cattolici. Nei suoi scritti, P. Manna insiste sul ruolo insostituibile dei sacerdoti in ordine all’annuncio del Vangelo e all’educazione di una coscienza missionaria nei laici.

La diffusione dell’Unione è rapida, dopo che il Papa, nella sua enciclica Maximum Illud (1919), raccomanda la sua presenza in tutte le diocesi.

Con una grande attività di predicazione e di stampa, P. Manna coinvolge ecclesiastici e laici all’ideale missionario, mentre sfida i giovani ad attuarlo. Non esiste per lui una vocazione missionaria distinta dalla vocazione sacerdotale o cristiana: il suo Motto è: «Tutti Missionari!»; tutti i battezzati, ma soprattutto «ogni sacerdote per natura, per definizione è missionario», e «la prima e fondamentale funzione della Chiesa è l’evangelizzazione del mondo, di tutto il mondo». Questo spirito missionario universale deve essere integrato allo spirito di unità con coloro che egli per primo chiama i «Fratelli Separati», «condizione indispensabile al trionfo integrale del Vangelo nel mondo». Come i Sacerdoti, anche i Religiosi e le Religiose, insieme ai Laici consacrati, sono i naturali operatori della Missione, e con il decreto Huic Sacro (1944), la Congregazione de Propaganda Fide offre anche a loro l’appartenenza all’Unione.

Con decreto del 28 ottobre 1956 l’Unione viene insignita da Pio XII del titolo di «Pontificia» e quindi rinominata la «Pontificia Unione Missionaria del Clero, dei Religiosi e Religiose e dei Laici Consacrati».

Nella sua tarda età, come in un sogno, padre Manna stende il suo grande piano missionario di carattere profetico e a respiro universale: egli invita le Chiese a fondare Seminari Missionari per partecipare direttamente all'evangelizzazione del mondo e a prestare aiuto alle giovani Chiese di missione.

Padre Paolo Manna muore il 15 settembre 1952 e il 4 novembre 2001 viene dichiarato Beato da Giovanni Paolo II.

MISSIONE

L’Unione Missionaria del Clero ha come fine specifico l’incremento del lavoro missionario e l’espansione delle missioni attraverso l’impegno diretto di coloro che come gli Apostoli ne hanno avuto la chiamata di «andate, ammaestrate tutte le genti, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo…» (Mt 28,19). Lo scopo del suo lavoro non è solo di far conoscere i progressi della fede nel mondo e di aiutare con preghiere e offerte i missionari, ma è soprattutto quello di sostenere e rendere la Chiesa in grado di svolgere il suo compito di evangelizzazione, con più missionari, con il Clero indigeno e laici impegnati.

La PUM vuole:

  • promuovere la consapevolezza missionaria tra i seminaristi, i sacerdoti e i religiosi;

  • animare tutti gli animatori del Popolo di Dio per la Missione (RM 84), diffondendo e promuovendo le altre POM;

  • favorire l’unione dei Cristiani perché «siano perfetti nell'unità, e il mondo riconosca che tu mi hai mandato…» (Gv 17, 23);

  • mettere la Chiesa tutta «in stato di missione»;

  • meditare la Sacra Scrittura per capire il piano di salvezza universale di Dio e conoscere la natura missionaria della sua Chiesa;

  • leggere e studiare i documenti del Concilio Vaticano II e le encicliche missionarie dei Papi;

  • vedere la propria storia personale e quella della propria Chiesa in prospettiva mondiale, per pensare e agire a livello universale.

  • pregare il «Padrone della messe, che mandi operai nella sua messe» (Mt 9, 37-38).
LA REGISTRAZIONE
Titolo
Nome*
Cognome*
Email Ufficiale*
Email Personale
Ruolo*
Nazione*
Citta*
Diocesi*
Telefono
Indirizzo
Codice Postale
MESSAGGIO

PASSWORD DIMENTICATA
UTENTE

PONTIFICIA UNIONE MISSIONARIA
...suscitare nella Chiesa la passione per la missione
e muovere le comunità cristiane a cooperare all’evangelizzazione...
PONTIFICIA UNIONE MISSIONARIA
...suscitare nella Chiesa la passione per la missione
e muovere le comunità cristiane a cooperare all’evangelizzazione...
PONTIFICIA UNIONE MISSIONARIA
...suscitare nella Chiesa la passione per la missione
e muovere le comunità cristiane a cooperare all’evangelizzazione...
PONTIFICIA UNIONE MISSIONARIA
...suscitare nella Chiesa la passione per la missione
e muovere le comunità cristiane a cooperare all’evangelizzazione...
PONTIFICIA UNIONE MISSIONARIA
...suscitare nella Chiesa la passione per la missione
e muovere le comunità cristiane a cooperare all’evangelizzazione...
STORIA
Il Beato Paolo Manna, «il cui nome merita di essere riportato a caratteri d’oro negli annali della Chiesa» (Paolo VI, Graves et Increscentes, Lettera Apostolica, 1966), è il fondatore della Unione Missionaria del Clero. Egli era convinto che finché i preti e i vescovi non fossero stati convertiti all'idea missionaria, le missioni restavano un fatto affidato solo a quel manipolo di missionari, assolutamente insufficienti per la missione universale della Chiesa. Egli pensò ad un’associazione del clero il cui unico scopo fosse animare e infondere l’ansia missionaria nei pastori, nei formatori delle comunità; essi, i preti, dovevano essere quasi una schiera di soldati nelle trincee, che aiutano e sostengono quelli che sono in prima linea. Solo a ...

MISSIONE
L’Unione Missionaria del Clero ha come fine specifico l’incremento del lavoro missionario e l’espansione delle missioni attraverso l’impegno diretto di coloro che come gli Apostoli ne hanno avuto la chiamata di «andate, ammaestrate tutte le genti, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo…» (Mt 28,19). Lo scopo del suo lavoro non è solo di far conoscere i progressi della fede nel mondo e di aiutare con preghiere e offerte i missionari, ma è soprattutto quello di sostenere e rendere la Chiesa in grado di svolgere il suo compito di evangelizzazione, con più missionari, con il Clero indigeno e laici impegnati.
La PUM vuole:

promuovere la consapevolezza missionaria tra i seminaristi, i sacerdoti e i reli...



Attività





PONTIFICIA UNIONE MISSIONARIA
Segretariato Internazionale
Via di Propaganda, 1C 00187 ROMA
Tel: (0039)06 698 80228 Fax: (0039)06 698 80124 E-mail: pum@org.va


PONTIFICIE OPERE MISSIONARIE
Segretariati Internazionali
PRIVACY
CONDIZIONI DI UTILIZZO
DISCLAIMER
COPYRIGHT ©2018PONTIFICIE OPERE MISSIONARIE ALL RIGHTS RESERVED