Nuova chiesa parrocchiale St. Joseph Cottolengo Leprosy Colony, Hohkai Leprosy Shelter, nel distretto di Loilem, Stato di South Shan, Arcidiocesi di Taunggyi, Myanmar

Nuova chiesa parrocchiale St. Joseph Cottolengo Leprosy Colony, Hohkai Leprosy Shelter, nel distretto di Loilem, Stato di South Shan, Arcidiocesi di Taunggyi, Myanmar

< Torna a

St. Joseph Cottolengo Lebbra Colony, noto come Hohkai Lebbra Shelter, è un lebbrosario situato nel distretto di Loilem, nello Stato Shan meridionale, a sette miglia dalla città di Loilem nell'arcidiocesi di Taunggyi in Myanmar. È una delle più importanti tra le piccole missioni del Paese.

Fondata nel 1939 da un sacerdote missionario, padre Rocco Perego, la struttura accolse inizialmente 30 malati di lebbra che vivevano in povere casette di bambù. Man mano che il numero dei pazienti aumentava di anno in anno, Monsignor Lanfraconi, missionario del Pime, fece costruire 40 abitazioni in muratura per i pazienti e un edificio di due piani per le religiose che, nel 1946, iniziarono a prestare servizio come infermiere e assistere i malati.

Purtroppo, una volta curate, le persone ricoverate non hanno potuto tornare nei loro villaggi a causa delle discriminazioni subite. Per raccogliere questa sfida, i sacerdoti fondarono una colonia di cinque villaggi per i lebbrosi e le loro famiglie.

Oggi nei cinque villaggi vivono 830 persone, di cui 738 cattolici. Insieme costituiscono 203 famiglie. Il numero dei cattolici aumenta ogni anno con nuovi battesimi di bambini e adulti.

I pazienti provengono dai diversi gruppi tribali di Shan, Pa Oh, Pa Laung e Le Sou. Sono poveri e ignoranti. La loro religione originaria è il buddismo, ma molti hanno chiesto di essere accolti nella Chiesa cattolica, avendo vissuto per molti anni accanto a sacerdoti e religiose missionarie.

L'agricoltura e l’allevamento sono il principale sostentamento, ma molti giovani cercano lavoro in Thailandia per mancanza di altre opportunità di lavoro. Di solito tornano a casa per Natale e Pasqua.

Alcuni di loro, trovando opportunità di lavoro in Myanmar, sono rientrati e risiedono nella parrocchia, che ad oggi ha portato a 300 il numero delle famiglie nei cinque villaggi.

Problemi relativi al Progetto

Nel 1955 un sacerdote missionario costruì la prima chiesa per ospitare 200 persone. Sessantadue anni dopo, mentre la comunità religiosa continuava a crescere, la parrocchia contava regolarmente oltre 300 fedeli alla messa domenicale e 70 fedeli all'Eucaristia quotidiana.

Oggi la vecchia chiesa non è più in grado di accogliere tutti i fedeli la domenica o durante le celebrazioni come il Natale e la Pasqua. La popolazione cattolica, infatti, aumenta ogni anno.

Un altro problema è che questa chiesa è ora in uno stato fatiscente. Il soffitto rischia di cadere e gli angoli sono pieni di crepe. Un recente sondaggio strutturale ha rilevato che l'edificio era malsano, il che significava che l'ampliamento e il rinnovamento della chiesa sarebbero quasi impossibili. Il costo dei lavori di ristrutturazione equivalgono alla costruzione di una nuova chiesa.

La priorità, quindi, è la costruzione di una nuova chiesa. Bisogna fare tutto il possibile perché è per noi importante glorificare il nostro Dio in un luogo adeguato per la lode, l’adorazione, e il servizio della comunità.

Sebbene i servizi liturgici continuino nell'attuale chiesa, il sacerdote e la comunità religiosa temono che il soffitto possa crollare così come le pareti. Pertanto, la parrocchia ha urgente bisogno di una nuova chiesa che possa ospitare una comunità di 400 persone.

Un altro problema per la comunità è la disfacimento morale e spirituale dei nostri giovani. Stanno vendendo e facendo uso di droga e sono lontani dalla chiesa. Il nuovo edificio sarà il luogo migliore per riportarli al ministero della Chiesa, per dare loro una solida formazione. Una delle opportunità è la formazione di un coro parrocchiale. Ci sono 65 giovani che vivono nei cinque villaggi.

La situazione economica delle persone è piuttosto depressa. Non ci sono opportunità di lavoro a tempo indeterminato a livello locale. Il reddito di una famiglia media non è sufficiente a garantire anche i beni di prima necessità. Il KMSS (Karuna Myanmar Social Service) deve sostenerli parzialmente affinché possano vivere. Anche il livello di istruzione è basso.

A causa della discriminazione vissuta a scuola e all'interno della comunità, ha reso l'ambiente demotivante così da indurre i bambini ad abbandonare la scuola in giovane età. Portandoli da giovani in cerca di lavoro fuori dal villaggio e in Thailandia.

Cronologia dei sovrintendenti del Lebbrosario e parroci della parrocchia:
Fr. Perico, (1938-1981)
Fr. Lorenzo, (1981-2013)
Fr. Alfredo, (2013-2016)
Fr. Tarcisio Kyaw Aye (2016- )

Dalla creazione del Lebbrosario le religiose della Congregazione delle Suore della Carità (Suore di Maria Bambina) continuano a prestare servizio come infermiere e nell’animazione pastorale.

Attività di progetto

Al fine di realizzare il progetto, le seguenti attività saranno intraprese durante il ciclo di vita del progetto:

1. Richiesta di fondi per la costruzione della chiesa.
2. Mobilitare e sensibilizzare i membri della parrocchia.
3. Lavori di sterro, pulizia e livellamento dell'area di costruzione.
4. Selezionare e assumere un appaltatore edile qualificato.
5. Acquistare materiali da costruzione.
6. Costruire l'edificio della chiesa.
7. Equipaggiare e arredare l'edificio della chiesa.

Obiettivi

  • fornire un luogo di culto sano e solido per la comunità.
  • incoraggiare i parrocchiani a partecipare al ministero della Chiesa.
  • migliorare l'educazione cristiana dei bambini e dei giovani.
  • migliorare il tenore di vita dei parrocchiani.
  • trattamento e cura dei malati di lebbra come amati figli di Dio.

Realizzazione e gestione del progetto

Il progetto sarà gestito e supervisionato dal Comitato di Gestione Pastorale della parrocchia. Sarà guidato dall'Arcivescovo e assistito dal Comitato diocesano per la gestione pastorale e dal comitato di gestione della parrocchia.

Il gruppo di gestione del progetto è responsabile delle varie attività, come delineato nel piano di lavoro. Anche i fedeli hanno un ruolo da svolgere nella realizzazione di questo progetto. In particolare si occuperanno dello sgombero e della preparazione dell'area di costruzione, del livellamento del terreno per la fondazione, del trasporto in cantiere del calcestruzzo, dei mattoni e del legno. I materiali saranno acquistati preventivamente dal comitato di gestione. Il piano dell'edificio è stato progettato da un ingegnere esperto, secondo la raccomandazione del Vescovo e del Comitato di Gestione Pastorale.

Monitoraggio e valutazione

Il comitato di gestione ha riunioni ogni due mesi nell'ambito della valutazione interna e della rendicontazione del progetto. Le implicazioni di queste revisioni saranno utilizzate per un'ulteriore pianificazione nella valutazione e monitoraggio.

Attività spirituali

  • Educazione catechistica dei giovani e dei bambini ogni settimana dopo la messa domenicale.
  • Catechismo dei bambini ogni mattina prima della scuola.
  • Corso di formazione per giovani ogni anno in estate.
  • Ritiro di Azione Cattolica e Sant'Anna una volta all'anno.
  • Riunione bimestrale del Comitato Direttivo Parrocchiale.
  • Messa quotidiana e recita del Rosario la sera, confessione ogni sabato.

Input e vantaggi del progetto

Benefici spirituali: tutti i fedeli riceveranno una crescita e trasformazione spirituale. I giovani, le Associazioni come: la Santa Infanzia, Sant'Anna e Azione Cattolica, parteciperanno all'animazione dei servizi liturgici e i fedeli saranno una celebrazione liturgica attiva.

La nuova chiesa ospiterà le future generazioni di questa parrocchia in crescita.

La chiesa sarà più grande e ben costruita per durare almeno altri 50 anni.

Benefici sociali: sradicamento della dissolutezza e della povertà, guarigione per i tossicodipendenti, promozione di una comunità pacifica e amorevole.

Conclusione

La parrocchia del lebbrosario fa ogni sforzo per prendersi cura degli emarginati, degli esclusi, dei senza voce, gli ultimi tra noi. È nel lebbrosario che si può vedere Gesù Cristo nel malato di lebbra, nei poveri e nei reietti. Per realizzare il progetto abbiamo bisogno dell'aiuto dall'esterno, oltre che del contributo locale. Pertanto, speriamo sempre nel vostro aiuto finanziario. Attraverso questo progetto, auspico che venga promossa la spiritualità dei parrocchiani, il tenore di vita di questi poveri e l'educazione dei loro figli.

Fr. Tarcisio Kyaw Aye, Sovrintendente e parroco del Lebbrosario

 

 

Insieme possiamo cambiare molte storie.  <br><br> Supporta il lavoro dei missionari di tutto il mondo.

Insieme possiamo cambiare molte storie.

Supporta il lavoro dei missionari di tutto il mondo.