Progetto di formazione permanente di missionari, religiosi, sacerdoti e operatori pastorali, laici coinvolti nella missione della Chiesa <br>L’Institut Catholique Missionnaire d'Abidjan (ICMA)

Progetto di formazione permanente di missionari, religiosi, sacerdoti e operatori pastorali, laici coinvolti nella missione della Chiesa
L’Institut Catholique Missionnaire d'Abidjan (ICMA)

< Torna a

 

L’Institut Catholique Missionnaire d'Abidjan (ICMA), in Costa d’Avorio, ha realizzato il progetto di formazione permanente 2018-2019 di missionari, religiosi, sacerdoti e operatori pastorali, laici coinvolti nella missione della Chiesa, finanziato dalla PUM.  Il progetto ha offerto sessioni di formazione su tre temi: integrità nel ministero: questioni riguardanti l'abuso sessuale e la protezione di minori e adulti vulnerabili; l’impegno cristiano, partecipazione alla vita pubblica e consolidamento della pace; l’alcool amico o nemico: dipendenze, abuso di sostanze, droga e tossicodipendenza come sintomi di malessere personale e sociale.  Sul primo tema si sono tenute cinque sessioni.  La formazione si è concentrata su come aiutare i partecipanti ad entrare nelle dinamiche di protezione dei bambini, dei giovani e degli adulti più vulnerabili nelle nostre società e sui modi per creare un ambiente sano per loro. I partecipanti hanno ricevuto un diploma di livello avanzato in Protezione dell'infanzia dal Centro per la Protezione dell’Infanzia (CCP) della Pontificia Università Gregoriana di Roma in collaborazione con ICMA. Come formatore è intervenuto P. Stéphane Joulain in collaborazione con il team di Save Minors (DEA) della Pontificia Università Gregoriana (Roma) e un collaboratore locale. Padre Joulain, membro della Società delle Missioni Africane, è un terapista familiare, dottore in consulenza e spiritualità. Da quasi 15 anni accompagna le vittime di abusi sessuali. Attualmente è coordinatore per l'integrità del ministero per la sua società missionaria ed è anche coinvolto nel programma sulla protezione dei minori presso la Pontificia Università Gregoriana.

Sul secondo tema, “impegno cristiano, partecipazione alla vita pubblica e consolidamento della pace” sono state organizzate due sessioni. La formazione si è concentrata sull'incoraggiare i giovani cristiani a impegnarsi nel processo elettorale in modo non violento. Ha anche fornito strumenti per discernere la credibilità e le promesse dei politici che si candidano alle elezioni. I partecipanti sono stati anche formati alle tecniche di comunicazione non violenta. Animatore è stato padre Michel Savadogo Pingdewinde, missionario burkinabé della Società delle Missioni Africane, SMA. È direttore esecutivo della rete Shalom per la trasformazione e la riconciliazione dei conflitti (RESTCOR) ad Abidjan.  La seconda sessione ha approfondito invece di più la responsabilità civile del Cristiano come attore di una nuova società giusta e pacifica, sulla base delle Scritture.

Sul terzo tema “Alcol, amico o nemico: dipendenze, abuso di sostanze, droghe e tossicodipendenza come sintomi di un malessere personale e sociale” sono state organizzate tre sessioni destinate a animatori delle Comunità cristiane di base (CEB), operatori pastorali, responsabili laici, catechisti, ministri straordinari, genitori, giovani, educatori e tutori. Sono state fornite ai partecipanti le chiavi di lettura necessarie alla comprensione dei meccanismi e delle conseguenze della dipendenza, dell'uso di droghe pesanti e dell'abuso di sostanze, in particolare l'alcolismo. La formazione ha mostrato come la dipendenza stia rapidamente diventando un problema di salute pubblica in Costa d'Avorio. L’animatrice, Sr Therese Verger, ha molta esperienza nell'accompagnare malati e morenti. È anche molto impegnata nella prevenzione, sensibilizzazione e supporto della dipendenza alcolica e dei tossicodipendenti, ovvero la dipendenza da droghe nella gestione psicoterapeutica individuale, etnopsichiatria di gruppo e arte terapia in Africa. 

Insieme possiamo cambiare molte storie.  <br><br> Supporta il lavoro dei missionari di tutto il mondo.

Insieme possiamo cambiare molte storie.

Supporta il lavoro dei missionari di tutto il mondo.